La Città verso

Capdodrise come luogo di incontri e di scambi, in una nuova relazione tra spazio e ambiente.

Palazzo delle Arti sarà l’epicentro di una città contemporanea, in connessione con il tempo e con i tempi.

In apparente contraddizione con sé stesso, vivrà per “annullarsi”.

Dai luoghi deputati (luoghi della separatezza e dell’ambigua sacralizzazione della merce artistica) l’opera dovrà raggiungere i luoghi della vita, della collettività, della comunicazione sociale.

Nuovi itinerari per riflettere e indagare i complessi aspetti della città, ormai fulcro dell’esistenza.

E ogni quartiere diverrà una piazza, dove scoprire, ritrovarsi, discutere. Di arte, e di vita.

Capodrise, città “verso”: forma, direzione, poesia.